L' arte di arrabbiarsi. Comprendere e gestire collera e aggressività PDF

Scarica l'e-book L' arte di arrabbiarsi. Comprendere e gestire collera e aggressività in formato pdf. L'autore del libro è none. Buona lettura su equilibrifestival.it!

Equilibrifestival.it L' arte di arrabbiarsi. Comprendere e gestire collera e aggressività Image

DESCRIZIONE

L'aggressività è un inquilino potente nel nostro mondo interno, al punto che la psicoanalisi tende a considerarla, insieme alla sessualità, come una delle pulsioni fondamentali che governano il sentire e l'agire umani. Pertanto, che la sensazione della rabbia ci piaccia o meno, dovremo farci i conti per tutta la nostra vita. Ma reprimere gli stati di rabbia e l'aggressività ha un costo emotivo assai elevato. Talora arriviamo anche ad ammalarci, nel corpo o nell'anima, a causa degli esiti che questo trattenere ha sul nostro funzionamento psico-fisico. Esiste invece la possibilità di comprendere a fondo perché ci arrabbiamo e scegliere dunque, in modo più libero da automatismi e inibizioni, come gestire l'aggressività. È l'arte di arrabbiarsi. Prefazione di Stefano Bolognini

ISBN: 9788866010234

DATA: 2012

AUTORE: none

DIMENSIONE: 1,32 MB

NOME DEL FILE: L' arte di arrabbiarsi. Comprendere e gestire collera e aggressività.pdf

SCARICARE
LEGGI

L' L' arte di arrabbiarsi. Comprendere e gestire collera e ...

Dopo aver letto il libro L'arte di arrabbiarsi.Comprendere e gestire collera e aggressività di Luca Nicoli ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L'opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall ...

L'arte di arrabbiarsi. Comprendere e gestire collera e ...

Come gestire l'aggressività Pubblicato da dott.ssa Elisa Vezzi in Mindfulness 29 Gennaio 2015 G li studi scientifici sul tema dimostrano che vi è un aumento costante del numero di episodi violenti, soprattutto a scuola e una diminuzione dell'età degli aggressori (A. Milani et al., 2013).