Mito, fiaba, rito PDF

Abbiamo conservato per te il libro Mito, fiaba, rito dell'autore Antonino Buttitta in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web equilibrifestival.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Equilibrifestival.it Mito, fiaba, rito Image

DESCRIZIONE

Antropologo, semiologo, studioso di folklore tra i più noti, Antonino Buttitta ha sempre accompagnato all'interesse teorico ricerche sull'immaginario popolare, in particolare quello siciliano. Il volume raccoglie saggi di epoche diverse offrendo una complessiva panoramica della sua opera. Sono presenti tanto analisi di fiabe e miti, quanto risultati di ricerche su riti e feste popolari. Le forme di espressività popolare, sia quella mitico-fiabesca sia quella rituale, costituiscono, per Buttitta, l'esito della volontà persistente dell'uomo di superare la finitudine del tempo e dello spazio, mediante una assiologia finalizzata a negare le fondamentali opposizioni umane: essere-apparire, vita-morte, bene-male. L'idea che emerge è una riflessione sui miti, le fiabe e i riti, consistente nell'interrogarsi sulle ragioni che hanno spinto gli uomini di ogni tempo a inseguirsi in aldilà insistentemente fantasticati.

ISBN: 9788838934568

DATA: 2016

AUTORE: Antonino Buttitta

DIMENSIONE: 4,69 MB

NOME DEL FILE: Mito, fiaba, rito.pdf

SCARICARE
LEGGI ONLINE

Mito - Enciclopedia

Le fiabe risalgono ai tempi degli uomini antichi dove. durante i riti di iniziazione, cioè del passaggio dall'età adolescenziale all'età adulta, gli anziani raccontavano storie fantastiche. Le fiabe sono caratterizzate dal lieto fine, la cui funzione educativa era quella di fornire speranza per superare le difficoltà della vita.

Il teatro: le origini tra mito e rito - Teatro e Danza ...

Il mito e la fiaba Lévi-Strauss, antropologo strutturalista, nel corso dei suoi studi, ha analizzato il ruolo e la funzione delle storie mitiche all'interno delle civiltà cosiddette "primitive", intendendo con tale espressione i popoli privi non di organizzazione sociale o di cultura, ma "privi di scrittura".