Da martedì 21 a venerdì 24 maggio

Martedì 21 maggio  

ore 21:00
Salt’In Circo Cabaret – Arterego

Un varietà fresco e frizzante, in cui abbandonarsi al ritmo dei mille personaggi che abiteranno il palco con le loro piccole manie, le grandi debolezze, i giochi infantili, la forza del gesto, la musica interiore e l’energia esplosiva.

Salt'in circo                                      Credits photo: Stefano Scheda

Mercoledì 22 maggio

ore 21:00
Inbox – Soralino

Concezione e interpretazione: Clément Malin e Caio Sorana
Produzione: Soralino
Con il sostegno di: l’Académie Fratellini, Sham, Nottenera, La Maison des Jonglages / Scène conventionnée La Courneuve, La Fabrique Affamée, la Ville du Bourget et du Conseil régional d’Île-de-France.

“Caio Sorana e Clément Malin fanno e disfanno i loro cartoni, li impilano, giocano all’equilibrio e al disequilibrio. Traslocatori dell’assurdo e magazzinieri dell’inutile, raggiungono le cime nell’arte di convincervi che mai l’oggetto dominerà l’uomo.”                      Paris Quartier d’Eté

Inbox é la prima creazione della compagnia Soralino. Un’illustrazione domestication del moto di Sisifo dove due tizi in impermeabile, il piccolo vestito troppo grande ed il grande vestito troppo piccolo, giocano con dei cartoni, lanciandoli e impilandoli sul bordo della catastrofe…
Inbox é stato presentato 130 volte, in Francia, Italia, Spagna, Belgio, Polonia, Svezia, India, Libano, Palestina, Olanda. Nel 2015 è lo spettacolo vincitore del Festival Ici et Demain di Parigi.

La compagnia Soralino nasce dall’incontro tra un giocoliere e un equilibrista, ma soprattutto dai chilometri e dai viaggi in furgone.
Caio Sorana e Clément Malin si incontrano a Parigi a l’Académie Fratellini e fondano la compagnia nel 2015.
Soralino ha tre creazioni all’attivo e ha presentato i propri spettacoli circa 200 volte in 10 paesi. Oggi più che mai Soralino é la rappresentazione della loro complicità e del loro lavoro che mira a portare la strada in teatro ed il silenzio del teatro in strada.
Il loro duo sempre intimo e sempre buffo, vede nell’impegno davanti al rischio e all’equilibrio le fondamenta del loro circo.
Credono nella semplicità per far emergere la complessità e l’assurdità del lavoro circense.

Giovedì 23 maggio                

ore 21:00
Humanos Comicus – Niño Costrini

Uno spettacolo divertente, provocatorio,pieno di fantasia. Un’ingegnosa parodia del mondo del circo che invita a ridere e riflettere.Personaggi dei cartoni animati che svelano la loro follia in un cabaret beffardo e assurdo in cui il pubblico stesso è protagonista. Questa performance energetica, nata nel 2008, si basa su un linguaggio universale, coinvolge con forza la partecipazione del pubblico ed è stata presentata in oltre 30 paesi.

Niño Costrini è un uomo dalla grande personalità, abile, malizioso e assurdo nella sua follia. È un pazzo “jumping Jack” che salta fuori dalla sua scatola e sorprende il pubblico, a lui tutto e’ permesso.
Un provocatore nato, che fa dell’ironia e del sottile sarcasmo i suoi mezzi di espressione e delle risate il suo mestiere. Uno spettacolo che combina contemporaneamente umorismo, acrobazie da circo, frenesia e tecnica superba, pur riservando, sotto le spoglie di uno scherzo, un posto speciale per la riflessione.
Niño Costrini ha ricevuto i seguenti premi: 1° Premio Daidogei World Cup 2007-Giappone; 2° Premio Coppa del Mondo Daidogei 2006- Giappone; 1° Premio Festiclown 2004-Spagna; 1° Premio Valladolid Festival 2003-Spagna.

Nino Costrini

Venerdì 24 maggio

ore 21:00
Gran Cabaret –
Circo Inzir

Come descrivere uno spettacolo che non è mai uguale a se stesso? Il nostro è uno spettacolo creato ogni volta ad hoc per il luogo che lo ospita e fatto sempre da persone differenti. Uno spettacolo che, nonostante ciò, riesce sempre nel suo intento di stupire e divertire, coinvolgere ed emozionare. Uno spettacolo che cambia sempre ma, in un certo senso, è sempre lo stesso.

Circo Inzir nasce dalla volontà comune da parte di un collettivo di artisti di varia formazione e provenienza di portare spettacoli, parate e laboratori in quelle zone del mondo dove la vita si complica a causa
di povertà, guerre e sfruttamento.
L’intero progetto è autofinanziato tramite cabaret e spettacoli a offerta libera, promossi e fatti dagli stessi artisti.

“L’obiettivo che ci siamo proposti è stato quello di portare la nostra arte in giro per il mondo, per trovare dei punti di unione e di scambio tra le diverse culture e di promuovere un progetto a favore della multiculturalità, usando il circo come mezzo di comunicazione, unione e condivisione, partendo dall’idea che questa disciplina artistica sia per le sue caratteristiche e per la sua fruibilità uno dei mezzi più indicati per creare rapporti sociali e diminuire le distanze.”

Circo Inzir

Circo Inzir